III TAPPA: VENERDI II SETTIMANA

3. NO ALL’ACCIDIA EGOISTA !

 

Io vi dico: vi sarà tolto il regno di Dio e sarà dato a un popolo che lo farà
fruttificare. (Mt 21,43)

È la malattia del ripiegamento interiore su se stessi che impedisce di
operare e che, attraverso la noia, l’indifferenza, l’indolenza, costringe gli
operatori pastorali a rimanere radicati in meschine sicurezze, incapaci di
smuovere le persone e le situazioni. Non c’è più entusiasmo, iniziativa,
perché si è perso il contatto con la gente e si fanno le cose perché si
devono fare. Chiamati a essere sale della terra e luce del mondo, i
cristiani diventano stanchi ripetitori di cose in cui non credono più. È “la
psicologia della tomba, che poco a poco trasforma i cristiani in mummie
da museo”.

Cfr. EG 81-83

Ti sembra che siamo affetti dall’accidia spirituale?
Andiamo avanti con inerzia, ripetendo stancamente sempre le stesse cose senza più
convinzione?

Joomla templates by a4joomla