San Romano Martire

Largo Antonio Beltramelli, 23 - Settore Roma Nord - Tel: 06.41732407 - www.sanromano.org

Per avere un'idea della nostra dignità, occorre che ricordiamo spesso il cielo, il calvario e l'inferno. Se comprendessimo cos'è essere figli di Dio, non potremmo fare il male, saremmo come angeli sulla terra. Esser figlio di Dio, quale dignità! Quando gli angeli si rivoltarono contro Dio, questo Dio così buono, vedendo che essi non potevano rallegrarsi della felicità per la quale li aveva creati, fece l'uomo e questo piccolo mondo che vediamo per nutrire il suo corpo. Ma bisognava pure nutrire la sua anima; e siccome nulla di creato può nutrire l'anima che è spirito, Dio volle dar se stesso come cibo. 

La grande disgrazia è che purtroppo trascuriamo di ricorrere a questo Cibo divino, per attraversare il deserto di questa vita. Come una persona che muore di fame accanto ad una tavola imbandita, c'è gente che resta cinquanta, sessanta anni senza nutrire la propria anima. Se i cristiani potessero comprendere le parole di nostro Signore che dice loro: "Malgrado la tua miseria, voglio vedere da vicino questa bell'anima che ho creato per Me. L'ho fatta così grande che solo Io posso riempirla. L'ho fatta così pura che solo il mio Corpo può nutrirla".

San Giovanni Maria Vianney (1786-1859), sacerdote, curato d'Ars
Spirito del curato d'Ars nei suoi Catechismi, nei suoi Discorsi, nelle sue Conversazioni

Template by JoomlaShine