San Romano Martire

Largo Antonio Beltramelli, 23 - Settore Roma Nord - Tel: 06.41732407 - www.sanromano.org

Settimana 45/2018 - Domenica 11 Novembre 2018 
        

La Goccia

XXXII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO B)

Mc 12,38-44
Questa vedova, nella sua povertà, ha dato tutto quello che aveva.

 

 

 

In cielo tutti insieme con Dio saranno un solo re e come un solo uomo, perché tutti vorranno una cosa sola e ciò che vorranno si realizzerà. Ecco il bene che dall'alto del cielo Dio proclama di mettere in vendita. Se uno domanda a quale prezzo, gli vien risposto: non ha bisogno di un compenso terreno chi vuol dare il Regno del cielo, né alcuno può dare a Dio ciò che non possiede, perché tutto ciò che esiste appartiene a lui. D’altra parte Dio non dà del tutto gratuitamente una cosa di tanto valore, perché non la dà a chi non ama. Nessuno infatti dà ciò che ha di più caro a chi non l’ama. Dio quindi non ha bisogno di qualcosa di tuo, né deve dare una cosa tanto grande a chi non si cura di amarla; non cerca che l’amore, senza il quale non è tenuto a dare nulla. Dagli dunque l’amore e otterrai il regno: ama ed avrai... Ama Dio più di te stesso e già comincerai ad avere su questa terra quanto vuoi avere perfettamente in cielo.

Sant'Anselmo d'Aosta (1033-1109)
monaco, vescovo, dottore della Chiesa

Domenica 11 novembre 2018 ore 21:00

SALA FRASSATI

(Teatro della Parrocchia di San Romano Martire)

Via delle Cave di Pietralata, 81
una piccola riflessione sulla vita, ispirata ai libri
di Giobbe e di Qoèlet, e al Vangelo

Oggi, domenica 11 novembre, la Chiesa di Roma promuove la Giornata per la sensibilizzazione e il sostegno al quotidiano Avvenire e al settimanale diocesano Roma Sette. Si tratta di un’opportunità di riflessione sul valore dell’informazione, spesso limitata ai soli social network in particolare da parte dei giovani, in questo contesto sociale così frammentato. Il Papa, scegliendo il tema per la prossima Giornata mondiale delle comunicazioni sociali, ci invita a passare dalle “community” alle “comunità”, sottolineando l’importanza di restituire alla comunicazione una prospettiva ampia, fondata sulla persona. In questo senso possiamo guardare all’impegno di Avvenire che del primato della persona ha fatto il cuore del suo lavoro, se pensiamo all’attenzione per le famiglie, per i minori, per i migranti, per il Sud del mondo e alle storie di bene che pone in evidenza.

Template by JoomlaShine