San Romano Martire

Largo Antonio Beltramelli, 23 - Settore Roma Nord - Tel: 06.41732407 - www.sanromano.org

Settimana 51/2018 - Domenica 23 Dicembre 2018 
        

La Goccia

IV DOMENICA DI AVVENTO (ANNO C) GAUDETE 

Lc 1,39-45
A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me?

 

 

 

È caratteristico dello Spirito Santo, quando tocca un cuore, cacciarne ogni tiepidezza. Egli ama la prontezza, ed è nemico degli indugi, dei ritardi nell'adempiere la volontà di Dio... "Maria partì in fretta" ... Quante grazie si riversarono sulla casa di Zaccaria, quando Maria vi entrò! Se Abramo ricevette tante grazie per aver ospitato tre angeli nella sua casa, quante benedizioni inondarono la casa di Zaccaria nella quale entrò l'angelo del supremo consiglio, l'arca vera dell'alleanza, il divino profeta, Nostro Signore portato nel seno di Maria! Tutta la casa fu piena di gioia: il bambino sussultò, il padre riebbe la vista, la madre fu piena dello Spirito Santo e ricevette il dono di profezia. Vedendo la Madonna entrare nella sua casa, esclamò: "A che debbo che la madre del mio Signore venga a me?"... E Maria, udito quello che sua cugina diceva a sua lode, umiliò se stessa e rese gloria a Dio per tutto. Confessando che la sua felicità procedeva dal fatto che Dio "aveva guardato l'umiltà della sua serva", intonò il suo bello e mirabile cantico del Magnificat. Quanto dobbiamo essere pieni di gioia anche noi, quando quel divino Salvatore ci visita nel Santissimo e per le grazie interiori e le parole che dice ogni giorno nel nostro cuore! 

 

San Francesco di Sales (1567-1622), vescovo di Ginevra, dottore della Chiesa
In "Ephata"

23 Dicembre 2018
E’ TEMPO DI…ASPETTARE

L’atto penitenziale con la sua richiesta di perdono manifesta tutta l’intenzione di Dio, ci
rivela che possiamo contare sull’amore di Dio. La massima espressione della misericordia di Dio è
che egli abbia voluto farsi uno di noi, abbia voluto condividere la nostra sorte. Non si tratta di una
semplice condiscendenza, il desiderio di salvarci, di elevarci alla sua intimità, è un amore
grandissimo. In questa ultima tappa del tempo di Avvento dobbiamo gustare profondamente
questa misericordia, questa delicatezza del Signore, che viene nella nostra vita per condividere la
nostra umiliazione, la nostra pena e illuminarla con il suo amore e trasformarla in cammino di
gloria, di amore, di gioia.

ORARIO CONFESSIONI

Nel periodo conclusivo dell'Avvento i presbiteri si renderanno disponibili per la celebrazione del sacramento della Riconciliazione in alcuni giorni e orari dedicati:

 

LUNEDI' 24 DICEMBRE  dalle 10.00 alle 12.00  e dalle 17.00 alle 19.00


Per chi lo desidera è anche possibile prendere un appuntamento con il confessore per altri orari.

I fedeli sono invitati a preferire questi momenti piuttosto che durante la celebrazione eucaristica, soprattutto nei giorni delle festività natalizie.

Template by JoomlaShine